ForlaniniToday

Il marito della donna di Via Cova: “Le volevo bene, mi uccido anch’io”

Massimo Merafina, appresa la notizia della morte della moglie, ha minacciato il suicidio. Sorvegliato a vista in attesa della convalida del fermo. L’uomo è indagato per omicidio premeditato, stalking, minacce e lesioni

Lo ha dichiarato Massimo Merafina, il marito che ieri ha accoltellato la moglie davanti all’asilo di Via Cova. L’uomo si è rivolto agli inquirenti con questa frase: “Le volevo bene, mi uccido anch’io” e da allora è sotto sorveglianza 24 ore su 24, per paura che possa dare corso alla sua minaccia.

L’udienza di convalida del fermo dovrebbe tenersi domani mattina. Il bambino invece, nel frattempo in una struttura specializzata, verrà affidato molto probabilmente alle cure della nonna materna.

Merafina è indagato per omicidio premeditato, stalking, minacce e lesioni. Queste ultime due imputazioni sono relative agli episodi di violenza che sono venuti fuori nel corso delle indagini: prima del folle gesto infatti, l’uomo aveva più volte perseguitato e minacciato la donna, arrivando addirittura a picchiarla.

Potrebbe interessarti

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

  • Il fascino del glicine e dove acquistarlo a Milano

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Meno di 300 euro per andare (e tornare) da Milano a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Milano, incendio sulla tangenziale Ovest: camion avvolto e distrutto dalle fiamme

Torna su
MilanoToday è in caricamento