ForlaniniToday

Via Cova: l’ha uccisa perché non accettava la fine dell’amore

Non accettava la fine del suo amore con Monica. E’ questa la scusa per l’omicidio data da Merafina davanti al gip questa mattina, che ha predisposto per lui il carcere. Presente all’interrogatorio anche il pm, per le accuse di stalking

Alle domande del gip Federica Centonze ha risposto così Massimo Merafina: “Non accettavo la fine del nostro amore”. L’uomo qualche giorno fa ha aspettato l’ex moglie davanti all’asilo che frequentava il loro figlio e l’ha uccisa.

Il giudice per le indagini preliminari Federica Centonze ha convalidato il fermo e la custodia cautelare in carcere per l’uomo, accusato di omicidio premeditato, che durante tutto l’interrogatorio ha pianto e ha ammesso di fare regolare uso di stupefacenti.

Merafina ha spiegato la causa del suo gesto anche alla presenza del pubblico ministero Ester Nocera che si occupa del filone dell’inchiesta relativa allo stalking: prima del folle gesto di qualche giorno fa infatti, l’uomo aveva perseguitato, molestato e picchiato la donna, che aveva presentato denuncia contro il Merafina, proprio giorni prima dell’incidente.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento