ForlaniniToday

Ex Scalo Porta Romana, inizio lavori messa in sicurezza e uno sgombero

Sono iniziati oggi i lavori di messa in sicurezza della zona dell'ex scalo di Porta Romana, la Polizia Locale e la Polfer hanno eseguito un ulteriore controllo dell'area ed effettuato uno sgombero di accampamento abusivo

Una trentina di uomini dellla Polfer e della Polizia Locale questa mattina, hanno effettuato un controllo nella zona dell'ex Scalo di Porta Romana dove da oggi, e che proseguiranno per tutta la settimana, sono iniziati i lavori di messa in sicurezza di tutta l'area da parte di Ferrovie dello Stato, in particolare si prevede oltre alla chiusura già effettuata di un varco esterno, soprattutto la pulizia dell’area dalla fitta vegetazione incolta e dai rifiuti.

La Polfer ha effettuato un controllo all'interno dell'area demaniale appartenete ad Fs, mentre agenti di polizia Locale si sono maggiormente concentrati nelle vie confinanti, in particolare in Corso Lodi e Via Brembo. Un romeno è stato ritrovato abusivo ed allontananto dalla zona, mentre in seguito è stato anche effettuato uno sgombero di alcune tende abusive, segno di un probabile accampamento.



Il vice sindaco ed assessore alla sicurezza Riccardo De Corato commenta l'inizio dei lavori : Lo scalo di Porta Romana – evidenzia De Corato – rientra in quel piano di interventi e sopralluoghi in alcune aree dismesse ed edifici fatiscenti di proprietà di FS, stabilito nel corso di un incontro che ho avuto lo scorso novembre a Roma con il dirigente Franco Fiumara, direttore della protezione aziendale delle Ferrovie dello Stato. Interventi concordati per sottrarre spazi al degrado e alle occupazioni abusive da parte di rom, malintenzionati e delinquenti” . “Altre aree critiche – conclude De Corato – sono Piazza Tirana-stazione San Cristoforo, via Pesto e Bacula. Aree in cui la Polizia Locale è intervenuta più volte per allontanare gli abusivi e per le quali ho chiesto a Fs soluzioni adeguate ad eliminare il problema delle occupazioni. In particolare per il Bacula ho suggerito la chiusura degli accessi ai rilevati ferroviari da piazzale Lugano e il rafforzamento della rete di protezione del Cavalcavia che si affaccia sui rilevati ferroviari. Interventi che scongiurerebbero definitivamente il pericolo di insediamenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • Coronavirus, i contagiati in Lombardia sono 112. Positivo anche un medico del Policlinico

Torna su
MilanoToday è in caricamento