ForlaniniToday

Multe per sosta vietata davanti all'asilo: i problemi sono altri

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta alla redazione di una lettrice che denuncia lo stato di degrado e mancata sicurezza del quartiere Corvetto. Dopo l'ennesima multa ricevuta dai residenti per aver parcheggiato davanti all'asilo "Barabino" ecco snocciolati uno a uno i problemi della zona

I cittadini dell’area Barabino-Omero si sono ritrovati  (a distanza di circa due anni) un altro avviso di sanzionamento per sosta vietata.

La sosta sulla piazzola antistante l’asilo “barabino”  è quasi una sosta obbligatoria da quando – con i lavori di ristrutturazione di viale Omero – sono stati cancellati in un colpo solo forse duecento posti auto con relativa disperazione dei residenti che non sapevano più a che santo votarsi per trovare un parcheggio.

Si sono aggiunti nel frattempo, i lavori di via Panigarola che se per un verso cercano di recuperare posti a lisca di pesce, ne portano via altri con le “aiuole” sporgenti.  Forse basterebbe – oltre al buon senso (anche civico)  dei cittadini – che il comune mettesse una barra/transenna fissa ad un metro dalla cancellata dell’asilo come richiesto più volte in passato, a protezione dei bambini.

Dando un’occhiata in giro per la zona però – dal pomeriggio in avanti – è  evidente come i pericoli maggiori (e non solo per i bambini piccoli…) siano ben altri: cani di grossa taglia usati come oggetti “di controllo del territorio” (piuttosto che come arma deterrente) vagano in lungo e largo senza nè guinzaglio, nè museruola (va da sè che un guinzaglio lungo due metri equivale a non averlo); ragazzi che scorrazzano in motorino su area pedonale e incroci “defilati” creando a volte problemi agli automobilisti oltre che ai pedoni; “traffici” sotto gli occhi di tutti; maleducazione; arroganza; cattiveria e bullismo sono i mali del nostro tempo a quanto pare – ma parlarne e basta, non rende i cittadini e i piccoli cittadini più sicuri e sereni.

Siamo quasi certi che le auto in sosta davanti all’asilo siano il danno minore che ci riserva la vita al Corvetto e per questo chiediamo che le auto possano rimanere lì e che i cittadini siano più tutelati e rassicurati anche quando passeggiano con i bambini o quando tornano a casa.

Bisogna considerare anche chi rientra a casa a tarda sera per motivi di lavoro o di studio e, perchè no, di svago. Può  una persona (peggio ancora se donna) parcheggiare ad 1 km da casa a farsi la strada a piedi? In Corvetto!!!???? Non esiste…

P.S.
Non ho l’automobile, uso i mezzi pubblici, i miei piedi o la bicicletta…e non esco praticamente mai di sera… volevo solo chiarirlo per correttezza.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento